Il Mediterraneo si incontra a Mendicino: il protagonismo dei giovani nel dialogo tra culture

INVEP-LocandinaMentre i giochi di potere degli adulti distruggono città e uccidono vittime innocenti, i giovani del Mediterraneo si incontrano per gettare le fondamenta di un dialogo costruttivo e duraturo. 

“The change is in our hands” è il motto che hanno scelto i protagonisti del progetto INVEP 2.0 (International Volunteer in Educational Projects) che da TurchiaPalestinaGiordaniaSpagnaGrecia, e naturalmente Italia, si incontreranno a Mendicino (Cs) dal 25 agosto al 4 settembre 2016, per condividere le proprie esperienze e confrontarsi su conoscenze e competenze che possano tradurre in azioni concrete aspetti come la solidarietà, l’empatia, la democrazia e la cittadinanza. 

Saranno più di 40 i ragazzi e le ragazze, provenienti da 6 paesi diversi, che faranno insieme 10 giorni di attività, sotto la guida e il coordinamento di Dignità del Lavoro, cooperativa sociale cosentina. 

Il progetto, promosso da un partenariato internazionale stabile nell’ambito del programma europeo Erasmus+, ha durata biennale e si pone l’obiettivo di contribuire a sviluppare l’attitudine al volontariato e all’impegno attivo nella società, valorizzando soprattutto il protagonismo dei giovani.

Dignità del Lavoro cooperativa sociale, partner del progetto per l’Italia e membro del Comitato Esecutivo della RIDE (Rete Italiana per il Dialogo Euromediterraneo) insieme con il Ministero degli Affari Esteri e la Fondazione Mediterraneo, crede molto nell’opportunità di essere al centro del Mediterraneo e nella ricchezza che deriva dal confronto e dallo scambio di esperienze. In un momento storico così complesso la cooperativa sociale cosentina punta ancora una volta sul dialogo e sulla cooperazione come strumento di costruzione di ponti per abbattere muri.

Un percorso che la cooperativa porta avanti con determinazione e fiducia, mettendo a frutto l’eredità di Delfino Lavoro e dei meeting con i giovani del Mediterraneo già realizzati nel 2008, 2009 e 2011.

Dopo il seminario di lancio della scorsa estate in Spagna, il prossimo appuntamento è proprio quello italiano ed è la Calabria (e la provincia di Cosenza) ad ospitare lo scambio giovanile che si svolgerà con il sostegno del Comune di Cosenza, del Comune di Mendicino, e della Parrocchia San Nicola di Mendicino, che ha messo a disposizione la struttura di ospitalità dell’Oasi S. Maria, e il supporto di tanti volontari.

Oltre alle attività d’aula previste non mancherà certo l’occasione per far conoscere agli ospiti le bellezze naturali e artistiche del territorio. Nel fitto calendario di programma sono stati infatti inseriti vari momenti di “svago”, come un’escursione a Monte Cocuzzo, un tuffo a mare a Fiumefreddo, una visita nella città di Cosenza e una festa in piazza a Mendicino. L’appuntamento di Cosenza riveste un significato ulteriormente importante perché sarà arricchito da due incontri speciali: nel pomeriggio infatti conosceranno l’assessore al turismo e marketing territoriale Rosaria Succurro presso il Museo dei Brettii e degli Enotri, mentre la sera è prevista una cena etnica curata dalle comunità migranti cittadine.

L’esperienza di INVEP 2.0 riassume in sé la prova che è possibile ed auspicabile fondere il contesto locale con quello internazionale per ampliare reti di solidarietà e condivisione di buone idee e buone pratiche.